BEYOND THE CARTOON
1/6

Beyond the Cartoon

Settembre 15 - Ottobre 29, 2016 

INAUGURAZIONE

Settembre Giovedì 15, 18:00 - 20:00 

 

Artisti In Mostra 

Rhys Coren, Stephen FeltonAndy HoldenJeff Keen, Rachel MacleanPaulo Nimer PjotaRose Wylie

 

Curata da ARTUNER

ARTICOLI

Beyond the Cartoon esplora il linguaggio del fumetto come un modo per dare un senso al mondo in generale. In tal modo, si espande l'universo sfaccettato di cartoni animati e l'impatto che ha avuto su varie generazioni di artisti contemporanei. Il mondo animato è uno spazio in costante cambiamento. Di conseguenza, sembra che il linguaggio dei cartoni animati abbia un ruolo cruciale nell'aiutarci a capire il mondo in cui ora viviamo; i personaggi del mondo fantastico hanno raggiunto uno status tanto reale quanto qualsiasi altra figura della storia.

 

Le leggi del movimento di Andy Holden in un paesaggio dei cartoni animati riflettono sulla fisica di un ambiente di cartoni animati; anticipa drammaticamente che la storia è giunta al termine e che il mondo è ora un cartone animato. In questo mondo animato sembra che tutto possa accadere, tuttavia alcune regole sono venute a formarsi e certe azioni si ripetono all'infinito. Il film di Holden, con l'artista stesso che appare come un personaggio dei fumetti per raccontare la sua tesi, propone che un esame di come la fisica funziona nei cartoni potrebbe dirci qualcosa sul mondo in cui viviamo e su come essere un artista in un mondo del genere.

 

la tradizione del fumetto come spazio di appiattimento e come mezzo per analizzare il quotidiano, è sostenuta nel lavoro di Stephen Felton. In effetti, questo linguaggio è usato per spiegare qualcosa sulla pittura e sulla rappresentazione stessa. Le forme rare e colorate dell'artista esaminano il mondo attraverso un'accentuazione dei suoi contorni più essenziali: i loro elementi essenziali. Nel frattempo, Rose Wylie ha sviluppato il suo lessico visivo, che è debitore e riflette sul vernacolo dei cartoni animati e di altri elementi della cultura popolare.

 

Le opere sospese a parete di Rhys Coren appaiono come approssimazioni di dipinti che confondono deliberatamente i linguaggi del pop e del minimalismo. Forme diverse, sia su tela che su tela, danno l'impressione di essere state sbucciate direttamente da elementi animati. Le linee del fumetto appaiono fuori dal tempo, a-storiche e umoristicamente seducenti. Paulo Nimer Pjota, da parte sua, assimila personaggi animati in ampie tele non stirate e strisce metalliche. Personaggi dei cartoni animati come Woody Woodpecker, Spiderman, Topolino e un Darth Vader animato si mescolano con tessuti testurizzati, lavorati e forme di arte di strada - con l'ispirazione musicale e le impressioni biografiche del Brasile nativo dell'artista.

L'uso autodidattico della tecnologia di Rachel Maclean genera un mondo color caramello; uno di citazione, narcisismo infantile e terrore. Il lavoro di Maclean guarda a come Internet ha ristrutturato lo spazio dell'immaginazione: i suoi esperimenti sullo schermo verde le permettono di interpretare tutti i personaggi, che sono diventati così esagerati da sembrare un fumetto di se stessi, promulgando una critica pungente del modo in cui i media controllano lo spazio della rappresentazione. Sebbene la pratica di Jeff Keen abbia riscosso solo recentemente consensi nel campo dell'arte, è stato per lungo tempo elogiato come regista sperimentale per eccellenza. Le sue opere filmiche includono spesso animazioni in stop motion e, come Maclean, tende a includere se stesso come protagonista. Topolino e ritagli di fumetti abbondano sia nei cortometraggi che nei collage. Keen era un sostenitore della nozione di cinema espanso. Sosteneva l'integrazione tra disegno, pittura e performance dal vivo nell'ambito di presentazioni multischermo; oltre la consueta cornice del display del film. Beyond the Cartoon sfida i confini normativi tra cartoni animati convenzionali, belle arti contemporanee e vita di tutti i giorni. La mostra mira a migliorare la nostra comprensione dei cartoni animati, la loro estetica e il loro impatto di vasta portata sulla nostra percezione del mondo di oggi.

 

Circa gli artisti

 

Rhys Coren (nato nel 1983) è nato a Plymouth, nel Regno Unito e attualmente vive e lavora a Londra. Ha conseguito la laurea presso l'University of West England, Bristol nel 2006, e il suo diploma post-laurea presso la Royal Academy Schools, a Londra nel 2016. Ha tenuto mostre personali e personali in tutta Londra e ha partecipato a mostre collettive in Danimarca, Cina , Stati Uniti, Francia, Grecia, Messico e Regno Unito.

 

Stephen Felton (nato nel 1975) vive e lavora a New York City. Ha studiato al San Francisco Art Institute e al Massachusetts College of Art. Dal 2014 è stato esposto in diversi spazi in tutta Europa tra cui Valentin, Parigi, Le Confort Modern di Poitiers, Francia, Musée d'Art Moderne et Contemporain di Ginevra, Frutta a Roma e Sifnos, in Grecia. Quest'ultima mostra è stata curata da ARTUNER alla fine del suo primo programma Artist's Residency Program nell'estate 2015.

 

Andy Holden (nato nel 1982) vive e lavora nel Bedfordshire, nel Regno Unito. Ha conseguito il BA al Goldsmiths College di Londra nel 2005. È un Stanley Picker Fellow del 2011 e ha lavorato in Tate Britain, Glasgow International, Cubitt Gallery a Londra, Whitechapel Gallery a Londra, Kunsthalle Winterthur e la Zabludowicz Collection in Londra. Ha vinto il Paul Hamlyn Foundation Award nel 2012 e il Boise Travel Award nel 2008.

 

Jeff Keen (nato nel 1923 - d. 2012) ottenne una borsa di studio a Oxford, ma non partecipò a causa del suo servizio nazionale nel 1942. Dopo la guerra, Keen iniziò un corso di arte commerciale a Chelsea, ma non finì mai. Un cineasta, un poeta e un artista rivoluzionario che ha esposto in paesi come la Francia, gli Stati Uniti e il Regno Unito e che ha esposto in prestigiose istituzioni come la Tate Britain.

 

Rachel Maclean (b.1987 a Edimburgo) ha ricevuto la laurea presso l'Edinburgh College of Art nel 2009. Ha ricevuto il Glasgow Film Festival Margaret Tait Award nel 2013 ed è stata selezionata per il Film London Jarman Award nel 2013. Rappresenterà la Scozia nel 2017 Biennale di Venezia. Vive e lavora a Glasgow e ha mostrato a livello internazionale istituzioni come HOME a Manchester, Artpace in Texas, Casino Luxembourg a Lussemburgo, Rowing Gallery a Londra, Zabludowicz Collection a Londra e il Centre for Contemporary Art di Glasgow.

 

Paulo Nimer Pjota (nato nel 1988) è nato a Sao José do Rio Preto, in Brasile, e attualmente vive e lavora a San Paolo. Si è trasferito a San Paolo, all'età di 17 anni, per studiare arti visive al Centro Universitario di Belas Artes. Si è laureato con il suo BA nel 2010. Il suo lavoro è stato mostrato in tutto il mondo, tra cui Paço das Artes Sao Paulo e Mendes Wood DM in Brasile, l'Astrup Fearnley in Norvegia, Kunsthal KAdE in Olanda, DHC / Art Foundation for Contemporary Art in Canada e il MAC-Lyon in Francia.

 

Rose Wylie RA (nata nel 1934) è nata nel Kent dove continua a vivere e lavorare oggi. Si è laureata alla Folkestone e alla Dover School of Art e, successivamente, nel 1981, al Royal College of Art. Ha rappresentato la Gran Bretagna in Women to Watch, National Museum of Women in the Arts, Washington DC nel 2010. La sua prima mostra retrospettiva si è tenuta alla Jerwood Gallery, Hastings nel 2012 ed è stata seguita dalla sua mostra di riflettori della BP alla Tate Britain nel 2013. Lei ha anche mostrato a Philadelphia; Tonsberg, Norvegia; Wolfsberg, Germania; Tal R's Project Space a Copenhagen e la Douglas Hyde Gallery a Dublino. Nel 2011 le è stato assegnato il Paul Hamlyn Award e nel 2014 ha vinto il John Moores Painting Prize. Nel 2015 è stata insignita del Charles Wollaston Prize per la più importante opera nel RA Summer Exhibition in seguito alla sua elezione a Royal Academician.

Rachel Maclean

Over the Rainbow, 2013

Sound, Video

Variable Dimension, Ed 10

Jeff Keen

Rayday Film, 1968 - 1970, 1976

16mm Film, color & sound

Variable Dimension, Ed 5